In offerta!

Langhe Bianco Dragon 2021 LUIGI BAUDANA DOC – Vajra

14,90 14,50

COD: 0cf730fc85d0-1-1 Categorie: ,
Alcol:
Regione:
Denominazione:
Formato:
Momento per degustarlo:
Passaggio in legno:
Temperatura di servizio:
Annata:

Descrizione

Caratteristiche

È un vino che si presenta con una veste di colore giallo chiaro brillante e che regala aromi intensi, caratterizzati da delicate sfumature floreali, note di frutta a polpa bianca, cenni agrumati e di erbe aromatiche. Armonioso e complesso regala un sorso appagante, fruttato e sapido, che sfocia in un finale fresco e di buona persistenza gustativa. Un sorprendente bianco delle Langhe, assolutamente da provare.

Il “Dragon” della cantina Vajra è un bianco delle Langhe, che nasce dal desiderio di realizzare un vino capace di sintetizzare ed esprimere il carattere autentico del territorio. Si tratta, infatti, di un’etichetta che nasce in vigna, dove vengono coltivate insieme più varietà a bacca bianca storicamente presenti il Piemonte. Il risultato è un uvaggio equilibrato ed armonioso, che combina sapientemente in carattere di ogni uva in modo assolutamente complementare. Fresco, fruttato e dotato di buona complessità aromatica, è un bianco già ottimo da bere subito, ma che non teme di maturare qualche anno in cantina. Il nome deriva dal Dragone, simbolo del coraggio disegnato da Gianni Gallo.

Al nucleo storico dell’azienda, si sono poi aggiunte le pregiate vigne della proprietà di Luigi Baudana a Serralunga d’Alba. Il Bianco “Dragon” vede la luce proprio tra i filari dei vigneti di Luigi Baudana. Al termine della vendemmia, le uve delle diverse varietà sono pressate delicatamente e il mosto fiore è fatto fermentare in serbatoi d’acciaio inox per circa un paio di settimane. Prima dell’imbottigliamento, il vino matura per alcuni mesi in vasche d’acciaio.

Il Luidi Baudana “Dragon” di Vajra è un vino della tradizione. È il frutto di una concezione della vigna lontana dal moderno modello monovarietale. È realizzato con più vitigni, alcuni autoctoni altri provenienti dalla Francia. Si tratta di un uvaggio, ovvero di una vinificazione insieme di uve diverse, che fin dal principio compiono lo stesso percorso, dalla vendemmia, alla fermentazione, all’affinamento.

Cantina

La famiglia Vajra coltiva dal 1880 il Bricco delle Viole, il cru più alto del Comune di Barolo, e alla giovane età di quindici anni Aldo Vajra ha abbracciato il sogno di far rivivere la sua eredità di famiglia. Mostrando una visione e un impegno che vanificano la sua giovane età, rilevò la tenuta nel 1968, voltando pagina.

Aldo acquisì presto la prima certificazione biologica della regione (1971), un’ulteriore testimonianza della lungimiranza e della mentalità radicata di questa fantastica azienda sulla viticoltura progressiva e sulla vinificazione. Creò selezioni massali di biotipi (selezioni massali) di Nebbiolo e Dolcetto, aprì la strada alla rinascita della Freisa, un’uva nobile ma dimenticata (1980) e alla coltivazione del Riesling renano in Piemonte (1985). I vigneti di alta quota sono un fattore unico per i vini Vajra, per la loro attitudine ad esprimere finezza e notevole complessità rispetto alla potenza.

Attenzione ai dettagli e umiltà verso la natura, impegno senza compromessi e umanità: così sono Aldo e Milena, ora affiancati dai figli Giuseppe, Francesca e Isidoro, e da un fantastico team di giovani professionisti.

Barolo, i vini di Aldo Vajra - la Repubblica

Abbinamento

Tagliolini al tartufo, sformato ai quattro formaggi. Battuta in punta di coltello al tartufo bianco in biscotto di frolla salata .

Battuta di vitello in biscotto di frolla salata su crema al formaggio | Sfizioso.it