Cabernet Sauvignon – Valentino Butussi

15,50

COD: c06d14039559-1-1 Categoria:
Alcol:
Formato:
Momento per degustarlo:
Temperatura di servizio:

Descrizione

Caratteristiche

Di colore rosso rubino intenso con l’affinamento sviluppa riflessi granati. Profumo speziato e fruttato con sfumature di lampone e mirtillo. Corpo
robusto, pieno, sapido, è vino da invecchiamento è il Principe dei vini rossi. E’ un vino da carni della grande cucina, da arrosti di carni rosse, ottimo con
pollame, e formaggi a pasta dura.

TERRENO:
Fondo Collinare, costituito da marne ed arenarie stratificate in profondità e colluviali in superficie. Vendemmia manuale, l’epoca vendemmiale viene valutata visivamente al raggiungimento della maturazione ottimale delle uve, che in questa zona, avviene verso la prima decade di ottobre.
VINIFICAZIONE:
L’uva viene diraspata cercando di mantenere il più possibile l’acino integro e mandandolo così in botte tradizionale di rovere da 60HL per la fermentazione. Vengono fatte delle follature manuali fino al raggiungimento del colore e della tannicità desiderati ed in fine viene pressato con torchio tradizionale. Il vino così ottenuto viene lasciato sedimentare per un giorno, dopodiché ritorna in botte di rovere per i successivi 12 mesi di affinamento.
AFFINAMENTO:
Botte di rovere da 300L per 12 mesi
Botte di cemento per 6 Mesi
Affinamento in bottiglia: 6 mesi

Cantina

L’azienda Valentino Butussi, si trova sulla via Forum Julii, antica strada romana che collegava Cividale del Friuli ad Aquileia, nella parte collinare tra il colle di Rosazzo, e il colle di Gramogliano.  Già duemila anni fa questa zona era considerata tra le più vocate alla viticoltura friulana. Angelo Butussi, comprendendo da subito le enormi potenzialità che quest’affascinante vallata denominata “Prà di Corte” poteva avere, ha instaurato qui la propria sede aziendale, impiantando quelle vigne che negli anni seguenti hanno dato origine ad alcuni tra i vini più significativi della produzione aziendale.

Questa vallata, con le Alpi Giulie alle spalle che riparano la vite dalle fredde correnti del nord, e il mare Adriatico di fronte, che garantisce una benefica e costante ventilazione, è la migliore posizione geografica per la viticoltura (senza dimenticare gli infiniti microclimi nelle diverse vigne e particelle). L’azienda si estende per una superficie totale di circa trenta ettari, diciotto dei quali vitati, suddivisi in diverse zone: Godia, Madonna d’Aiuto, Dolegnano, Lucchitta, Gramogliano e Braida

«Il territorio rappresenta la nostra immensa ricchezza. Noi abbiamo il compito di preservarne l’integrità e di svelarne le più recondite sfumature attraverso il nostro vino.

La passione, l’entusiasmo e la profonda conoscenza delle tradizioni, tramandata da generazioni, si riconoscono nel faticoso lavoro quotidiano. Ogni gesto è finalizzato a mantenere l’armonia naturale e rivelare la complessità di questa terra». Filippo Butussi

Conversione all’Agricoltura Biologica

La ricerca della qualità passa soprattutto attraverso la salute del vigneto e dell’ambiente che lo accoglie. Se il vino deve esprimere il terroir, non ci devono essere ingerenze umane che alterino l’equilibrio naturale. Da questa consapevolezza nasce un progetto di riconversione all’agricoltura biologica, che parte da un piccolo vigneto di tremila metri nel 2002 che portò progressivamente alla completa conversione dell’azienda nel 2008, e nel 2013 con la certificazione biologica.

2013 – 2014

Nascita linea Butussi Etichetta Storica   Con le vendemmie 2013 e 2014, nasce la linea Butussi Etichetta Storica.

Una profonda conoscenza del territorio, l’attenzione capillare in vigna, unite alle tecniche della coltivazione biologica, una sapiente e impegnativa cernita dei grappoli e con l’acquisizione di tecniche di vinificazione più confacenti, ci ha permesso di trasformare due annate controverse, in due splendide

Abbinamento

Si abbina ad arrosti, fettuccine al ragù d’anatra e formaggi a pasta dura.

Tagliatelle al ragù di anatra selvatica germano | Cookaround